Le nostra build portatili hackintosh sono basate su modelli aziendali ricondizionati HP e Dell, solidi affidabili e riparabili. Realizziamo queste macchine dal 2016 e abbiamo testato tantissimi modelli; quelli che proponiamo in questa pagina sono passati da estese selezioni e test sul campo e vengono venduti in quantità e usati da professionisti in italia e nel mondo.

I modelli HP tendono ad avere più slot e hanno la possibilità di gestire doppio schermo esterno e risoluzioni fino a 2k, mentre i Dell sono limitati ad un singolo schermo esterno e non sempre riescono a gestire interno insieme a 2k esterno. Tuttavia, Dell offre prezzi migliori, macchine più sottili e leggere e le CPU 6 core.

Abbiamo sotto mano talvolta configurazioni particolari “uniche”, come i modelli Elitebook ultraleggeri con porta Thunderbolt, ma non possiamo offrirli nelle stesse capacità e garantirne la stessa resa.

Queste macchine hanno prestazioni CPU single-core non troppo dissimili, montando processori su architettura “Skylake” che poi sono evoluti in Kaby e Coffee Lake.
I modelli i7 di 6 e 7 gen versione H sono quad core, così come gli i5 versione U di ottava generazione.
I modelli i7 di 8 gen sono 6 core.

Tutti i modelli utilizzano la GPU integrata sotto macOs; varia il supporto ai codec QuickSync migliore dalla serie 7 in su, e la velocità della ram – non si tratta comunque di macchine particolarmente adatte ad export video, ma perfettamente in grado di eseguire editing e ovviamente per utilizzo ufficio e audio.

Le macchine sono fornite con sistema operativo Big Sur (disponibile anche Catalina) e possibilità di dual boot con Windows con uso di due SSD separati.

COSTI

Tutti i modelli sono indicati con il costo esclusi RAM e SSD. Prezzi IVA ESCLUSA ; le espansioni possono subire variazioni in base alle condizioni di mercato, possono esser acquistate in proprio per comodità di gestione / fatturazione / garanzia.

La garanzia sui prodotti che vendiamo è di 2 anni
Un aggiornamento di major release di macOs è garantito ed incluso nel prezzo (garatito fino a Monterey come certo). Gli aggiornamenti vengono offerti solo ed esclusivamente dopo 1/2 mesi dalla fine del ciclo di point release (es macos 12.6), non garantiamo aggiornamenti a release intermedie.

ESPANSIONI

il costo dei dischi NVMe varia; i più prestanti come Crucial P5 con tecnologia slc/tlc intorno ai 100 euro per 1tb e 210 per 2tb e mantengono velocità tra i 3000 e i 2000 mb/s
I modelli con qlc/mlc più lenti in lettura (intorno ai 1600mb) e molto più in scrittura dai 1200 fino a scendere a 400 durante le copie di file prolungate possono costare rispettivamente 80 e 160 euro. Ricordiamo che in ambito audio la velocità del disco è irrilevante, conta marginalmente il tempo di accesso che è intrinsecamente migliore su standard NVMe.
Su tagli minori ci sono dischi usati, 30 euro per 256gb NVMe DRAMless (varie marche assortite) e 50 euro per 500gb (solitamente Samsung OEM), con velocità medie di 600 e 1600mb/s rispettivamente,
50 euro per 500gb e 80 euro 1tb per i dischi SATA standard (solitamente bx500)
20 euro per 256gb e 40 per 500gb per i dischi SATA M2 (solitamente Samsung pm871 o Crucial Mx500 in base alla disponibilità)

le ram sono da installare a coppie, che devono esser uguali; la velocità dipende dal modello specifico del portatile e non dai moduli installati

50 euro per 2×8 ddr4 (tot 16gb)
110 euro per 2x16gb (tot 32gb)
220 euro per 2×32 (tot 64gb)

Le schede wifi sono standard intel, permettono di utilizzare la connessione internet e i dispositivi bluetooth e supportano quasi tutte le funzioni di continuity, ma non AirDrop; upgrade a scheda nativa BCM94360NG + 30e

MACCHINE HP

Lo Zbook G3 grazie al massivo sistema di raffreddamento matiene prestazioni massime per tempo indefinito e a qualsiasi temperatura esterna, con un rumore di ventole solitamente nullo o minimo; parte da 500 euro:
– cpu i7 i7-6700HQ fino a 3.5ghz, circa 650 cinebench R15 ( 6820HQ fino a 3.6 +20e); gpu integrata HD530
– schermo fullHD IPS 15 pollici (contrasto 600:1 e colore 85% sRGB ) ( 17 pollici + 50)
– due thunderbolt 3 (porta C)
– uscite video aggiuntive HDMI e VGA;
– 3 usb A 3.0 ed ethernet
– è possibile installare GPU nVidia Quadro M2000M (+100e) utilizzabile su Windows o MacOs High Sierra 
– due slot NVMe e uno slot SATA, 4 slot ram

La durata della batteria inclusa (usata) è tra le 2 e le 3 ore a seconda del carico di lavoro.

La macchina Zbook Studio G3 è la versione più sottile e con trackpad molto superiore, anche se il raffreddamento è meno voluminoso è comunque in grado di garantire indefinitamente le performance massime; parte da 620 euro:
– cpu i7 i7-6700HQ fino a 3.5ghz, circa 620 cinebench R15 ( 6820HQ fino a 3.6 +20e); gpu integrata HD530 + GPU nVidia M1000M da 4gb funzionante solo su Windows (non rimovibile)
– schermo fullHD IPS 15 pollici opaco di altissima qualità – contrasto 600:1 e colore 85% sRGB
– due thunderbolt 3 (porta C)
– uscita video aggiuntiva HDMI; la porta USB-C funziona come uscita video solo su Windows
– 3 usb A 3.0 ed ethernet
– due slot NVMe, 2 slot ram

La durata della batteria inclusa (usata) è tra 2 e le 3 ore a seconda del carico di lavoro.

Probook G5 (2018) e G6 (2019) – una serie più economica senza thunderbolt; il g5 è costruito in plastica.
Il g6 è in metallo, ma soffre un limite di consumo massimo di soli 15w, risultando in prestazioni di circa il 15% inferiori sotto massimo carico di tutti i core, situazione comunque molto rara al di fuori di render video. eliminando però il throttling termico. Si tratta del modello più recente (2019) con qualità costruttiva migliore e batteria più duratura in assoluto. Da 380 euro (G5 cpu i5 8250u fino a 3.4, 600 punti cinebench) e 430 euro (G6 i5 8265u fino 3.9ghz, 500 punti)

– schermo fullHD IPS 13 pollici (versione 14 +20, 15 pollici + 50) (versioni TN -50)
– uscita video aggiuntiva HDMI
– 2 usb A 3.0 , 1 USB C ed ethernet
– uno slot NVMe e uno slot SATA, 2 slot ram
La durata della batteria è tra le 3 e le 4 per il G5 e tra le 4 e 5 ore per il G6 a seconda delle condizioni di lavoro

MACCHINE DELL

I modelli a 6 core, grazie ai 2 core aggiuntivi, alle frequenze leggermente più alte e alla memoria a 2666mhz hanno prestazioni multicore di picco superiori dell’80% (quasi il doppio) di quelle da 4; tuttavia il sistema di raffreddamento leggermente meno voluminoso rispetto a Zbook G3 insieme all’aumento di consumo complessivono non permettono di gestire il massimo turbo boost sotto stress indefinitamente portando sul lungo periodo ad un vantaggio ridotto al 50%.
Seppur con questo limite le prestazioni rimangono molto superiori rispetto a qualsiasi macbook compreso il modello i9 da 16 del 2020 nonostante i due core in meno.

Il Latitude 5580 ed il Precision 3530 hanno costruzione con singola ventola e scocca in materiali composti.
 
Il modello di fascia più alta XPS 9570 / Precision 5530 hanno una scocca compatta completamente in metallo con schermo senza bordi e doppia ventola

Tutte le macchine hanno in comune:

Schermo da 15 FULLHD IPS
1 Porta Thunderbolt 3 (porta C)
2 Porte USB 3.0 Type A (una terza USB 2 per il modello 3530)
1 Uscita HDMI con risoluzione massima FULLHD – non supporta 2k o 4k
Internamente 2 Slot RAM, 1 slot NVMe, 1 slot SATA
Scheda video UHD630
Tutti i modelli montano anche schede dedicate nVidia Quadro P / GTX1050 tutte da 4gb attivabili su eventuale partizione Windows

I costi e le caratteristiche diverse sono:

Latitude 5580 con i7 7820hq quad core – 750 punti cinebench r15 multi – 500e
Il più potente dei quad core con frequenze single core molto elevate è probabilmente il migliore per qualità/prezzo

Precision 3530 con i7 8750h – 1150 punti – 700e
questo sei core con singola ventola è l’unico modello a poter soffrire di throttling con carichi del 100% prolungati, ma garantisce prestazioni eccellenti single e multicore a prezzo accessibile

Precision 5530 / XPS 9570 con i7 8850h – 1150 punti – 900e
macchina sei core simile alla precedente ma versione premium con schermo senza bordi a luminosità e qualità maggiori e con doppia ventola di raffreddamento

MODELLI i9

Non possiamo al momento offrire in serie macchine con cpu i9 octa core che siano perfettamente compatibili con macOs perchè impossibile reperirle in quantità e prezzi accettabili sul mercato; inoltre i sistemi di raffreddamento arrivano molto vicini alla saturazione portando a minori vantaggi rispetto al salto da 4 a 6 core.

Attenzione infatti: i Macbook Pro con le CPU  “i9” anche nel modello da 16 pollici NON offrono prestazioni sotto stress reale superiori alle nostre macchine da 6 core, anzi!
Il limite non è solamente il sistema di raffreddamento nella scocca troppo sottile, che sarebbe risolvibile con cambi continui di pasta termica, pad interni e ventole aggiuntive esterne, ma anche il surriscaldamento e limite della catena di alimentazione (alimentatore, VRM e batteria) che non è in grado di fornare più di circa 80w continui a fronte di consumi di sola CPU da 90 di picco, GPU DEDICATA da 60 (che viene attivata anche durante l’uso audio da alcuni programmi e daw, e in ogni caso se si usa schermo esterno) e schermo/ventole per altri 30. Quando entra in protezione il VRM, le frequenze delle CPU vengono abbassate a livelli minimi di 800mhz causando drop totale dell’audio, come riportato anche da moltissimi utenti sul forum Audio Recording Italia e testato in prima persona nel nostro laboratorio e descritto qui, e spiegato anche in un video di Louis Rossman.