I paradossi dei portatili rotti

Un articolo nel quale proverò a spiegare alcune situazioni paradossali alle quali si viene incontro quando si cerca di ottenere il miglior valore di mercato, sia in caso di acquisto sia di vendita, quando si tratta il mercato dei portatili. Discorsi separati da farsi per portatili e fissi.

1 Il paradosso dell'”ex portatile” da riparare

Un computer portatile può trovarsi con sariati problemi che lo rendono inadatto alla sua funzione in movimento; banalmente il fatto che l’obsolescenza lo abbia reso troppo ingombrante rispetto alle alternative moderne di pari potenza, la batteria esaurita, oppure difetti reali come lo schermo rotto (o magari solo difettoso nella sua chiusura ma utilizzabile con sostegni esterni) o tastiera difettosa.
In moltissimi casi, una volta valutati il costo e l’affidabilità dei ricambi (ad esempio batterie non originali, difficilmente della stessaqualità delle originali), il costo di manodopera, quanto scritto prima riguardo l’obsolescenza – un modello anche usato ma più recente sarà spesso più sottile e con autonomia maggiore a parità di prestazioni – la riparazione non sarà conveniente.

Un caso esemplare sono i Macbook Pro Retina con lo schermo rotto: trattandosi di un componente prodotto solo da apple ed estremamente fragile, è di gran lunga il componente più ricercato nel mercato secondario tanto da arrivare a valere in alcuni casi poco meno del computer stesso. CIfre che per modelli “scarsi” come ad esempio i primi retina late 1012 / early 2013 oppure il 2016 e 2017 che hanno di loro tantissimi altri difetti e prestazioni relativamente basse rendono il cambio completamente antieconomico.

Un altra valutazione abbastanza assurda è quella relativa agli alimentatori. Modelli come i Macbook Apple o anche macchine HP e Dell funzionano male (si riducono automaticamente di prestazioni oppure si rifiutano di accendersi da zero / caricarsi) usando caricatori non originali, e i ricambi legittimi possono arrivare a prezzi assurdi (sopratutto quelli Apple) superiori al valore del pc stesso.

Queste situazioni portano al problema seguente:

2 Il paradosso dell'”ex portatile” più economico

La svalutazione come portatile potrebbe renderlo paradossalmente più conveniente rispetto ad un fisso di pari prezzo, sopratutto se si consider magari anche l’utilità dello schermo integrato o altre funzioni “rimaste” come ad esempio per i Macbook Pro l’eccellente Trackpad integrato.
Una macchina del genere, magari con modifiche di raffreddamento e una base con ventola, risulta molto competitiva sopratutto sulle fascie basse dove un fisso avrà comunque da considerare i “costi fissi” di manodopera, scheda madre, alimentatore e case anche se dovesse montare una cpu di fascia infima.